Nasce una scuola dedicata a formare le future maestranze del marmo

Data pubblicazione: 29/07/2022

Data scadenza:

Settore: Comunicazioni

Numero: 34

Un restauro importante del castello, che sarà utilizzato come centro espositivo e per eventi culturali, e una scuola del marmo dove apprendere l’arte dello scalpello, in un territorio che ha in questa meravigliosa roccia la sua ricchezza.

Nasce una scuola dedicata a formare le future maestranze del marmo

Terminati i lavori a Castelnuovo Parano, grazie ad un primo finanziamento al Distretto del Marmo arrivato a destinazione nei primi anni Duemila dall’assessorato regionale alla Piccola e Media impresa, allora guidato da Francesco De Angelis, e poi proseguiti in una collaborazione tra Comune e Cosilam ed oggi tra Comune e Consorzio Industriale del Lazio.

Ospite del sindaco Oreste De Bellis, si è tenuto un sopralluogo sul posto proprio di Francesco De Angelis, oggi presidente del Consorzio Industriale del Lazio.

Tecnicamente, la “Relazione generale di programmazione delle opere pubbliche e servizi del distretto marmifero di Coreno Ausonio Legge 29 Dicembre 2003 n.376” tra i vari interventi prevede che nel Comune di Castelnuovo Parano sia istituita una scuola di formazione di maestranze specializzate per la lavorazione e commercializzazione del marmo, per un importo complessivo di euro 400.000,00.

L’intervento è stato realizzato su due aree: la prima nel giardino del complesso monumentale del Castello di Castelnuovo, in località Terra, da destinare ad eventi, esposizioni all’aperto per la promozione e commercializzazione della pietra locale estratta nel bacino marmifero del Distretto del Marmo. La seconda, invece, in un ex edificio scolastico sito in località sant’Antonio Abate, da destinare per la formazione delle maestranze specializzate per la lavorazione del marmo.

L’area del giardino del castello è stata riqualificata per un riuso funzionale tramite interventi di risanamento sulle strutture murarie, di realizzazione di percorsi pedonali ed aree espositive. In ultimo è stato realizzato un impianto di illuminazione per valorizzare la cinta muraria, la torre, i percorsi pedonali e l’area espositiva.

L’edificio da destinare alla formazione è stato adibito a sala riunioni mentre l’altra ad aula didattica. Le due aree sono state arredate con sedie, scrivanie, armadi e materiale informatico: notebook, stampante, scanner e una lavagna interattiva per le lezioni. 

Particolarmente soddisfatto il sindaco Oreste De Bellis. «Il risultato parla da solo. È una bellissima opera e finalmente siamo riusciti a completarne i lavori. Mi complimento con l’impresa che ha operato e con tutta la struttura del Cosilam ed oggi del Consorzio Industriale del Lazio. Hanno operato bene e fatto sì che riuscissimo a completare l’intervento. A questo punto vogliamo inaugurare il nuovo castello e farlo conoscere a tutti. Attiveremo inoltre la Scuola del Marmo, con due aule didattiche perfettamente attrezzate ed arredate. Di conseguenza organizzeremo dei corsi su un’attività che per tutti noi rappresenta una ricchezza e un orgoglio».

Gli ha fatto eco il presidente del Consorzio Industriale del Lazio, Francesco De Angelis. «Per me oggi è una giornata ricca di emozioni, perché ho visto con i miei occhi il risultato di un progetto cominciato quando ero assessore regionale. Il Distretto del Marmo è un qualcosa in cui ho creduto e credo ancora, perché si traduce in sviluppo ed occupazione. E poi è una tradizione che ci appartiene, che appartiene a questa terra. Il fatto che questo intervento sia venuto così bene, regalando uno spazio culturale meraviglioso, non può che renderci ancora più contenti. La bellezza va di pari passo con la funzionalità e noi non dobbiamo mai dimenticarlo».

Data creazione: 29/07/2022

Data ultimo aggiornamento: 08/08/2022

Comunicazioni e Avvisi correlati

Med Blue Economy, edizione da record. In 70.000 per l'evento dell'anno
Comunicazioni – Comunicazioni 05/09/2022
Med Blue Economy, edizione da record. In 70.000 per l'evento dell'anno
Giù il sipario sul Med Blue Economy, la nove giorni dedicata all’economia del mare tenutasi a Formia tra il 27 agosto e il 4 settembre e organizzata dal Consorzio Industriale del Lazio e dal Comune di Formia con il contributo e il patrocinio di Regione Lazio, Roma Capitale, C.I.S.E. (Confederazione Italiana per lo Sviluppo Economico), “Informare”, Camera di Commercio Frosinone-Latina, Blue Forum Italia Network, Its Academy Fondazione Caboto, Assonautica Italiana, Consomare del Golfo, Arsial, XVII Comunità Montana, Parco Regionale dei Monti Aurunci, Ente del Microcredito, Fic Canottaggio, Flag Mar Tirreno Pontino e Isole Ponziane.
Si alza il sipario sulla nuova edizione del Med Blue Economy
Comunicazioni – Comunicazioni 28/08/2022
Si alza il sipario sulla nuova edizione del Med Blue Economy
Una presenza oltre ogni aspettativa quella registrata per l’apertura ufficiale del Med Blue Economy, tornato dopo lo stop degli ultimi anni causato dalla pandemia del Covid-19. Questo pomeriggio, nella suggestiva cornice della pineta di Vindicio di Formia e con il coinvolgimento dell’area archeologica e del porticciolo di Caposele, c’è stata l’attesa cerimonia di apertura dell’evento legato all’internazionalizzazione e all’economia del mare.
Med Blue Economy: ai nastri di partenza l’evento incentrato sull’economia del mare
Comunicazioni – Comunicazioni 10/08/2022
Med Blue Economy: ai nastri di partenza l’evento incentrato sull’economia del mare
Un patto per lo sviluppo sostenibile dell’economia del mare e del Mediterraneo.   Torna il Med Blue Economy, tradizionale appuntamento legato all’internazionalizzazione e all’economia del mare che, dopo l’interruzione forzata, a causa della pandemia, si rinnova con un primo cambiamento nei luoghi di svolgimento della kermesse.

Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. Il sito web consente l'invio di cookie di terze parti (tramite i social network). Accedi all'informativa estesa, per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare.

Privacy policycookies