Sistemazione stradale nel bacino marmifero di Coreno e rete Wi-Fi, parte il cantiere

Data pubblicazione: 21/07/2022

Data scadenza:

Settore: Comunicazioni

Numero: 31


La viabilità a servizio del distretto del marmo di Coreno Ausonio sarà al centro di un importante progetto di cambiamento. È pronto a partire il cantiere per la sistemazione opere urbanizzazione primaria del bacino marmifero di Coreno Ausonio.

Sistemazione stradale nel bacino marmifero di Coreno e rete Wi-Fi, parte il cantiere

Stamattina il presidente del Consorzio Industriale del Lazio, Francesco De Angelis, e il sindaco di Coreno Ausonio, Simone Costanzo, hanno illustrato i dettagli del progetto dal valore complessivo di circa 1.200.000 euro.
I lavori consentiranno di facilitare il collegamento con la strada provinciale “Taverna 50” per Castelforte e la strada regionale a scorrimento veloce 630 (Cassino – Formia) sia del centro urbano di Coreno Ausonio che dalle diverse attività industriali del marmo presenti nell’area. Questo intervento permetterà di ridurre notevolmente i tempi necessari al raggiungimento della grande viabilità esterna del territorio comunale, velocizzando il trasporto dei prodotti delle industrie di estrazione e trasformazione del marmo presenti in zona ed accelerando il processo di sviluppo economico e sociale dell’area.
Il progetto sarà realizzato seguendo più direttrici, nello specifico si procederà con la bonifica stradale delle superfici maggiormente danneggiate; rifacimento della pavimentazione stradale in conglomerato bituminoso; realizzazione di nuove opere di regimentazione delle acque superficiali di piattaforma e/o pulizia e ripristino delle esistenti; posa in opera di nuove barriere di protezione stradale; realizzazione di nuovi tratti di pubblica illuminazione. A questo si aggiungerà anche l’intervento per la rete Wi-Fi.
Tutti gli interventi consentiranno di adeguare e mettere in sicurezza l’intera viabilità di collegamento attualmente esistente garantendo, inoltre, la sua immediata percorribilità e fruibilità sia alle attività di estrazione e trasformazione del marmo ricadenti nell’area industriale sia ai residenti del centro abitato.
Il progetto che sta per essere avviato sarà realizzato grazie alla rimodulazione, voluta dal Comune di Coreno e accettata dalla Regione Lazio e dal Consorzio Industriale, del finanziamento della legge del 29 dicembre 2003 n. 376, 
«Si tratta di un progetto particolarmente importante che sarà al servizio del segmento industriale del distretto del marmo – ha affermato il presidente del Consorzio Industriale del Lazio Francesco De AngelisL’operazione messa in campo a Coreno Ausonio, avviata dal Cosilam, permetterà di rispondere concretamente a un’esigenza che è stata manifestata dagli imprenditori e dall’amministrazione comunale. Andremo a migliorare il sistema di collegamento viario che consentirà di potersi spostare in modo più agevole. Per ogni industria è determinante avere delle strade che siano idonee al transito dei mezzi pesanti e, grazie a quest’intervento, riusciremo a risolvere una difficoltà che molti operatori del settore hanno evidenziato. L’obiettivo del Consorzio industriale è proprio quello di risolvere le problematiche delle imprese e favorire insediamenti e nuovi investimenti. Per raggiungere questi obiettivi risulta determinante avere infrastrutture che siano adeguate e che consentano quello standard qualitativo che, oggi, non può più venire meno. Il percorso portato avanti a Coreno Ausonio, in piena sinergia con l’amministrazione comunale, siamo sicuri darà un impulso positivo e importante al distretto del marmo che rappresenta una delle grandi eccellenze industriali della nostra regione».
«Il progetto originario prevedeva un intervento sulla strada Pennino che avrebbe collegato la zona alta del bacino estrattivo con la viabilità comunale e provinciale della valle dell’Ausente – ha affermato il Sindaco di Coreno Ausonio Simone CostanzoQuesto era un progetto del 2005, ma visto il tempo trascorso e le necessità del bacino, pur apprezzando il progetto di partenza, si è reso necessario e opportuno rimodulare il finanziamento su altre proposte progettuali concretamente realizzabili, sempre a servizio del distretto industriale, in raccordo con la Regione Lazio e il Cosilam. Partendo dall’idea di una valorizzazione sempre maggiore di quello che è il distretto marmifero e dell’incidenza che esso ha sulla produzione del Pil provinciale abbiamo voluto rimodulare i fondi assegnati. L’efficacia e la validità degli strumenti istituzionali, si misurano sulla capacità di offrire servizi utili alle imprese e agli enti locali e indirettamente alle questioni che interessano i cittadini in un progetto complessivo di rilancio e di crescita del nostro territorio utilizzando velocemente e correttamente le risorse stanziate: a lavori completati avremo una viabilità decisamente migliore e la possibilità di utilizzare la rete wi-fi, che mancava nelle zona estrattiva, poiché i lavori previsti dalla convenzione con Infratel hanno riguardato soltanto il centro abitato. Desidero ringraziare  la Regione Lazio, il Cosilam prima e il Consorzio Industriale del Lazio, in particolare nelle persone dei presidenti Nicola Zingaretti, Marco Delle Cese e Francesco De Angelis, per l’accoglimento della nostra richiesta che consentirà di utilizzare i fondi per l’ammodernamento delle infrastrutture a servizio del distretto marmifero, con inevitabili ripercussioni positive per gli operatori e per tutti i cittadini».
Presenti alla conferenza stampa anche il sindaco di Esperia Giuseppe Villani, il sindaco di Castelnuovo Parano Oreste De Bellis e l'ex presidente del Cosilam Marco Delle Cese.
 

Data creazione: 21/07/2022

Data ultimo aggiornamento: 28/07/2022

Comunicazioni e Avvisi correlati

Med Blue Economy, edizione da record. In 70.000 per l'evento dell'anno
Comunicazioni – Comunicazioni 05/09/2022
Med Blue Economy, edizione da record. In 70.000 per l'evento dell'anno
Giù il sipario sul Med Blue Economy, la nove giorni dedicata all’economia del mare tenutasi a Formia tra il 27 agosto e il 4 settembre e organizzata dal Consorzio Industriale del Lazio e dal Comune di Formia con il contributo e il patrocinio di Regione Lazio, Roma Capitale, C.I.S.E. (Confederazione Italiana per lo Sviluppo Economico), “Informare”, Camera di Commercio Frosinone-Latina, Blue Forum Italia Network, Its Academy Fondazione Caboto, Assonautica Italiana, Consomare del Golfo, Arsial, XVII Comunità Montana, Parco Regionale dei Monti Aurunci, Ente del Microcredito, Fic Canottaggio, Flag Mar Tirreno Pontino e Isole Ponziane.
Si alza il sipario sulla nuova edizione del Med Blue Economy
Comunicazioni – Comunicazioni 28/08/2022
Si alza il sipario sulla nuova edizione del Med Blue Economy
Una presenza oltre ogni aspettativa quella registrata per l’apertura ufficiale del Med Blue Economy, tornato dopo lo stop degli ultimi anni causato dalla pandemia del Covid-19. Questo pomeriggio, nella suggestiva cornice della pineta di Vindicio di Formia e con il coinvolgimento dell’area archeologica e del porticciolo di Caposele, c’è stata l’attesa cerimonia di apertura dell’evento legato all’internazionalizzazione e all’economia del mare.
Med Blue Economy: ai nastri di partenza l’evento incentrato sull’economia del mare
Comunicazioni – Comunicazioni 10/08/2022
Med Blue Economy: ai nastri di partenza l’evento incentrato sull’economia del mare
Un patto per lo sviluppo sostenibile dell’economia del mare e del Mediterraneo.   Torna il Med Blue Economy, tradizionale appuntamento legato all’internazionalizzazione e all’economia del mare che, dopo l’interruzione forzata, a causa della pandemia, si rinnova con un primo cambiamento nei luoghi di svolgimento della kermesse.

Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. Il sito web consente l'invio di cookie di terze parti (tramite i social network). Accedi all'informativa estesa, per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare.

Privacy policycookies